Bandi per l'assegnazione

La legge 96/1996 prevede che i Comuni con cadenza biennale provvedano ad una ricognizione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica liberi sul proprio territorio e, qualora si verifichino le condizioni, all’emanazione di un pubblico concorso per la loro assegnazione.

 
Nel periodo di apertura del bando presso gli uffici del Comune di residenza e del Comune ove il richiedente svolge l’attività lavorativa devono rendere disponibili i moduli per la domanda di alloggio.
 
Contenuti obbligatori delle domande, da presentare al Comune nei termini indicati dal bando sono la cittadinanza, la residenza del concorrente e il luogo in cui lo stesso presta la propria attività lavorativa; la composizione del nucleo familiare con i relativi dati, il reddito complessivo del nucleo familiare, l’ubicazione e la consistenza dell’alloggio occupato, ogni elemento utile ai fini dell’attribuzione dei punteggi e della formazione della graduatoria, il luogo cui far riferimento per le successive comunicazioni relative al concorso.
 
Il Comune raccoglie le domande e al temine della scadenza effettua la loro pre-istruttoria.
 
 
 
Modello di bando     
 
 
Modulistica da allegare al bando:  
Modello di Domanda        Dichiarazione Sostitutiva Atto di Notorietà