Aggiornamento periodico del canone

La situazione reddituale degli assegnatari è aggiornata biennalmente dall’ATER ai sensi dell’ art. 28 L.R. 96/96. Pertanto ogni due anni l’ATER comunica a tutti gli assegnatari di rimettere, tramite apposita modulistica predisposta dall’Ente, la situazione familiare e reddituale aggiornata del proprio nucleo familiare ai fini dell’aggiornamento del canone di locazione. L’eventuale variazione della collocazione degli assegnatari nelle fasce di reddito e del canone di locazione ha effetto dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello per il quale è stata accertata la modificazione della situazione reddituale.  

REVISIONE DEL CANONE

Per accertata perdita di reddito dovuta a cause eccezionali quali: licenziamento, stato di vedovanza, morte di un percettore di reddito, l’assegnatario o colui nei cui confronti sorge il diritto alla voltura del contratto può chiedere la revisione del canone di affitto con decorrenza dal mese successivo a quello della richiesta.